Welcome! Log In Create A New Profile

Advanced

Piano riscaldato alluminio.....domande banali

Posted by tronicman 
Piano riscaldato alluminio.....domande banali
September 20, 2018 05:10PM
Buonasera a tutti,

mi sarebbe venuta l'dea di cambiare il mio letto riscaldante classico (a pcb rosso con il vetro sopra) con uno in alluminio, le domande potranno essere banali, ma si puo stampare senza il vetro direttamente sull'alluminio ?
Non avendo mai avuto grandi problemi di aderenza sia con PLA che con ABS stampo sempre bene su kapton e non ho quindi la necessità di avere il vetro e le mollette da dover cambiare a seconda del materiale.
L'unico dubbio che mi viene semmai è che in caso di impatto dell'ugello con il piano rischio di graffiare l'alluminio (anche se ci sono le molle sui sostegni del piano) ed a tal proposito vedendo le foto del prodotto un altra domanda....... ma in caso di stampa diretta sul piano, la parte sulla quale stampare è quella grezza? non quella nera con le stampe, la quale dovrebbe anche contenere il circuito di riscaldamento che se andassi a graffiare/interrompere con l'ugello ne comprometterei il funzionamento, giusto?

Oltre al fatto del vetro vorrei cambiare il piano soprattutto perche la pcb tende un po a flettersi/imbarcarsi e quindi il vetro deve essere ben "mollettato", voi quali altri vantaggi o svantaggi vedete, altrimenti sti 15/20 euro me li risparmio anche.

grazie

Edited 4 time(s). Last edit at 09/20/2018 05:28PM by tronicman.


Prusa I3 Rework molto modificata - Ramps 1.4 - Driver DVR8825 con smoother - Direct Extruder MK8 1,75mm 0.4mm - Firmware Marlin 1.1.0 - LCD + SD
Re: Piano riscaldato alluminio.....domande banali
September 20, 2018 06:04PM
Beh si ovviamente la parte liscia del piano è quella dove devi stampare, la parte con le scritte nel caso va sotto, quando usi il vetro la metti sopra per favorire lo scambio di calore tra resistenza e vetro (che per inciso è un cattivo conduttore di calore).

In genere si riveste il piano con del nastro (Kapton o "Blue Tape") per proteggere il piano e si stampa sopra, esistono anche fogli di kapton o materiali simili delle dimensioni del piano in alluminio.

Il piano in alluminio può comunque imbracarsi però in genere non si imbarca molto e poi il vantaggio principale è che il piano in alluminio è un buon conduttore di calore e con il vetro a volte il piano riscaldato si imbarca e non scalda "uniformemente" il vetro (sull'uniformità del riscaldamento del piano esistono sul wiki di RepRap anche delle foto fatte con telecamete termiche che visualizzano il problema).

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: Piano riscaldato alluminio.....domande banali
September 21, 2018 03:03AM
Dalle prove che ho fatto io non sta attaccato nulla sull'alluminio.. quindi dovresti comunque usare un vetro (non so se si riesce con il kapton direttamente sul'alluminio, questo mai provato..

In genere il piano in alluminio si usa perchè così fa anche da supporto, cioè lo monti direttamente sul carrello e ti risparmi perso.. anziche avere supporto+pcb+vetro hai solo il supporto (con pcb integrato) + vetro, che ad oggi rimane comunque il migliore di tutti (anzi, meglio ancora lo specchio, la rende anche più bella)..

Secondo me se così vai bene lascia tutto così.. il vetro è vero che conduce di meno, ma ha un'inerzia termica molto maggiore dell'alluminio.. essendo l'inerzia termica inversamente proporzionale alla conducibilità, conoscendo quest'ultima possiamo sapere quanto è "buono a trattenere il calore"..

- conducibilità alluminio : 290

- conducibilità vetro : 1

Questo vuol dire che il vetro starà si molto più tempo a scaldarsi, ma dopo riuscirai ad avere una temperatura molto più costante sulla superficie di stampa, che è quello che ti interessa principalmente smiling smiley

Quindi, a mio parere lascia tutto com'è, se non hai particolari problemi.. piuttosto preni un pcb con più fori per le viti, in modo da averlo maggiormente fissato al piano.. anche perchè con il piano in alluminio poi devi tenere conto della dilatazione termica, trascurabile invece con il piano che hai tu adesso


Andrea Lillia
Lillia.net
Pagina Facebook
Re: Piano riscaldato alluminio.....domande banali
September 21, 2018 06:16AM
Il piano di alluminio in genere lo si riveste con kapton o blue tape o altri rivestimenti più tecnologici.

Sull'inerzia termica del vetro non saprei, però in genere quasi tutte le soluzioni professionali che ho visto in giro usano un piano di alluminio rivestito in vario modo, magari un motivo ci sarà anche perché fare un piano in vetro opportunamente sagomato per un produttore non è una cosa complicata, e nemmeno fare un riscaldatore con un silipad (che è il sistema professionale usato per unire i dissipatori agli elementi che devono essere raffreddati) in modo da compensare le eventuali dilatazioni del piano di riscaldamento del vetro.

Al solito magari è solo questione di gusti, però un piano di alluminio rivestito è meno pesante e dovrebbe influire anche sulle vibrazioni e sulla precisione di stampa, l'inerzia di un piano sostenuto da molle fa in modo che nei cambi di direzione questo tenda ad essere "ballerino" e inficiare la precisione, per questo molta gente elimina le molle e le sostituisce con supporti differenti o con delle guide laterali del piano per limitare l'oscillazione.

Noto che tende spesso, soprattutto sul forum italiano si tende a "dimenticare" che il progetto RepRap nasce in ambito universitario creato da professori per motivi anche "politici e culturali" e poi si è evoluto nella marea di soluzioni hobbistiche che si trovano in giro, ma molte di queste soluzioni sono frutto di "tesi di laurea" (o di dottorato) in cui i pro e i contro vengono analizzati e pesati per giustificare la scelta fatta, e che il wiki di RepRap che putroppo non è sempre tradotto in italiano contiene molte discussioni teoriche e spiegazioni tecniche del perché sono state fatte alcune scelte e delle eventuali alternative possibili o allo studio.

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: Piano riscaldato alluminio.....domande banali
September 21, 2018 08:30AM
Un momento, le soluzioni che si vedono in giro "commerciali" NON sono quasi mai alluminio, ma simili, o in alternativa opportunamente trattati con più o meno lavorazioni diverse.. e quelle che hanno l'alluminio sono ricoperte da vetro, magari sottile, ma vetro..

NON si possono prendere in considerazione quelle professionali con camera calda perchè lì il discorso del piano riscaldato è relativo..

per il resto, sull'inerzia hai ragione, ma di sistemi a molle (o meglio ancora, di stampanti con piano mobile) se ne vedono sempre di meno.. e il problema persiste sia con piano in alluminio che con il classico sandwich.


Questo non l'ho capito sinceramente, riferito a cosa?

Quote
onekk
Noto che tende spesso, soprattutto sul forum italiano si tende a "dimenticare" che il progetto RepRap nasce in ambito universitario creato da professori per motivi anche "politici e culturali" e poi si è evoluto nella marea di soluzioni hobbistiche che si trovano in giro, ma molte di queste soluzioni sono frutto di "tesi di laurea" (o di dottorato) in cui i pro e i contro vengono analizzati e pesati per giustificare la scelta fatta, e che il wiki di RepRap che putroppo non è sempre tradotto in italiano contiene molte discussioni teoriche e spiegazioni tecniche del perché sono state fatte alcune scelte e delle eventuali alternative possibili o allo studio.


Andrea Lillia
Lillia.net
Pagina Facebook
Re: Piano riscaldato alluminio.....domande banali
September 21, 2018 11:09AM
Quote
alil2096
Un momento, le soluzioni che si vedono in giro "commerciali" NON sono quasi mai alluminio, ma simili, o in alternativa opportunamente trattati con più o meno lavorazioni diverse.. e quelle che hanno l'alluminio sono ricoperte da vetro, magari sottile, ma vetro..

NON si possono prendere in considerazione quelle professionali con camera calda perchè lì il discorso del piano riscaldato è relativo..

per il resto, sull'inerzia hai ragione, ma di sistemi a molle (o meglio ancora, di stampanti con piano mobile) se ne vedono sempre di meno.. e il problema persiste sia con piano in alluminio che con il classico sandwich.


Questo non l'ho capito sinceramente, riferito a cosa?

Quote
onekk
Noto che tende spesso, soprattutto sul forum italiano si tende a "dimenticare" che il progetto RepRap nasce in ambito universitario creato da professori per motivi anche "politici e culturali" e poi si è evoluto nella marea di soluzioni hobbistiche che si trovano in giro, ma molte di queste soluzioni sono frutto di "tesi di laurea" (o di dottorato) in cui i pro e i contro vengono analizzati e pesati per giustificare la scelta fatta, e che il wiki di RepRap che putroppo non è sempre tradotto in italiano contiene molte discussioni teoriche e spiegazioni tecniche del perché sono state fatte alcune scelte e delle eventuali alternative possibili o allo studio.

Quello è una considerazione generica, nessuna intenzione di giudicare o di fare polemica.

Però a volte da molti post sembra di capire che si usi il "forum" di RepRap senza sapere cose c'è sotto, ad esempio le classiche domande è meglio la stampante X o la Y, oppure si decantano tanto le caratteristiche del prodotto X o Y senza nemmeno guardare il wiki di RepRap dove magari è presente una trattazione abbastanza completa ad esempio sul tipo di piani riscaldati MK1 MK2 MK2A MK2B MK3 ecc.

In genere cerco di indirizzare chi ha dubbi nel posto dove è più probabile che i dubbi vengano tolti che secondo me è proprio il wiki di RepRap, poi ognuno, con "cognizione di causa" farà le proprie scelte, magari scoprendo che alcune cose si possono anche autocostruire.

Poi magari io sono "visionario" e "fuori dal mondo" come mi sono già sentito rispondere, però senza RepRap la stampa 3D era relegata alle grandi aziende e alle tecnologie innovative, invece ora è alla portata di un hobbysta appena appena evoluto.

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Sorry, only registered users may post in this forum.

Click here to login