Welcome! Log In Create A New Profile

Advanced

bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend

Posted by AndreaMattiaDenaro 
bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 09:42AM
Ciao a tutti,

avendo in questi giorni qualche ora libera, ho buttato giù una bozza al cad di come immagino un sistema multiestrusori-hotend, nelle foto sono 4 ma partirò con 2 e poi volendo se ne mettono quanti se nè vogliono.

A mè serve perchè ho bisogno per delle prove concrete di diversi ugelli (0,4 - 0,8 - 1,2), e diversi materiali (PLA - ABS - PETG). Qualche pezzo l'ho già stampato (ho colorato diversamente i vari pezzi da stampare per non confondermi), ma i dubbi cominciano ad affiorare... Per la vostra esperienza può funzionare una cosa simile?

Premetto che funzionerebbe un estrusore-hotend alla volta, e che manca un sistema che "abbassa" quello che deve stampare e tiene alti gli altri (pensavo ad una elettrocalamita invece del classico servo).

Premetto anche che a livello elettronico-firmware non sono ancora arrivato (anche perchè sono negato), dubbi perplessità e critiche funzionali sono ben accette drinking smiley






La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 10:38AM
Guarda è sempre lo stesso dubbio, che per carità si può risolvere, ma la vedo dura... Tu hai presente che basta uno 0.05 in più o in meno di altezza che tutto si va a farsi fottere...
Un ugello che sta poco poco più basso dell'altro andrà a sbattere sulla plastica lasciata dal precedente e se invece è più alto rischi di avere layer staccati...
Già metterne in piano due è tosta 4 è difficile specialmente con movimentazione come dici te...
Poi se riesci ben venga... Ma è l'unico problema che mi sovviene... I firmware hanno già la gestione di solenoidi per ogni hotend che attivano e disattivano al cambio, naturalmente poi la parte elettronica la devi fare tu, perché il pin è 1 quindi o 0 o 1, o fai che con 0 si attiva il magnete in modo da farlo salire e con 1 fai che il magnete lo spinge giù, oppure con molle per farlo salire...


COMPRA ITALIANO - sostieni le nostre aziende - sostieni la nostra gente - sostieni il tuo popolo - sosterrai te stesso.
Alberto C. felice possessore di una Kossel K2
My Blog - My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 11:03AM
mmmmm lo vuoi proprio il mio parere???? vabbè che faccio lancio il sasso e nascondo il braccio?????grinning smiley
Allora..... no...... non perlomeno con quella configurazione negli scorrimenti in altezza degli hotend

Come diceva il Mago basta un niente per creare "svarioni" nella precisione di stampa..... e già un carro che "blocca" l'hotend ha dei giochi determinati dagli scorrimenti degli assi.... se aggiungi scorrimenti anche per fare salire e scendere gli hotend moltiplichi le possibilità di errore e ti occorrerebbero componenti con una precisione (ed un costo) spaventoso....

Inoltre come terresti in asse gli hotend senza che "ruotino" sull'asse di alzata?
e in che punto fai presa per l'alzata in base all'asse di scorrimento longitudinale del sistema di alzata stesso?

Poi viste le proporzioni con il corpo hotend, hai disegnato un supporto scorrevole "troppo corto" e con troppissima corsa....
L'alzata di un hotend, per metterlo in sicurezza durante la stampa, è sufficiente di 1 o 2 mm, non di alcuni Cm come nel disegno..... e il supporto, per limitare al massimo eventuali scuotimenti sull'asse determinati dagli elementi di scorrimento dovrebbe essere lungo "quasi" come le barre dove hai montato gli hotend per aumentare al massimo la superficie di supporto dell'asse.

Insomma..... a parte gli errori di proporzioni, quello schema presenta problemi di messa a punto di difficoltà piuttosto alta e sicuramente non convenienti dal punto di vista costruttivo....

Spero tu prenda "costruttivamente" queste critiche..... grinning smiley

Edited 1 time(s). Last edit at 06/04/2018 11:05AM by immaginaecrea.


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 12:35PM
Beh allora, se le barre che hai disegnato sono come le barre da 8 con un cuscinetto LM8uu potresti usare un carrello con le 4 viti per montarci sopra il porta HE.

su ogni carrello monti una L di alluminio su cui avviti i porta HE, la L ti pùo fornire un punto dove fissare una seconda barra guida che tiene in pozione i l tutto, altrimenti gli HE girano sopra.

Ogni HE dovrebbe avere un sistema di regolazione, la corsa penso massima 3 o 4 mm basti per evitare interferenze del resto le Z-Probe in genere sono a 1-2 mm sopra la punta dell'ugello.

Il problema è la precisione dell'abbassamento, una vite micrometrica di finecorsa basso ti permette di regolare il punto di arresto in basso.

Come lo comandi? ogni HE avrebbe una specie di frizione elettromagnetica che fa girare solo l'HE selezionato, la frizione non avendo accoppiamenti solidi si ferma qando tocca il finecorsa, la vite in genere non è invertibile per cui sei a posto.

Il problema è che dovresti avere 4 frizioni e un motore in CC da comandare, il motore fa girare magari con una cinghia oppure con una serie di ingranaggi il tutto e con un uscita digitale comandi le frizioni, il motore deve essere invertito per sollevare il tutto.

In teoria e solo in teoria due dischi di rame messi vicini e all'interno di un campo elettrico si dovrebbero comportare come un magnete e accoppiarsi, un sistema simile è usato nei rallentatori elettromagnetici da camion, dove il rallentamento è controllato controllando appunto la corrente all'elettromagnete che sta attorno ai dischi.

Non ho controllato bene la letteratura, ma sembra esistano anche frizioni basate sullo stesso concetto, due dischi di rame piccoli ti costano 10 Centesimi (due monete da 5 centesimi di euro in cupronickel), una bobina la puoi avvolegere su un tubo di carta e puoi farti un propotipo facilmente, fori da 2,5 mm due monete tenute centrate tra loro, le filetti da 3 metti una barra filettata da 3 e saldi da lato dove non devono avvicinarsi, levighi il tutto e hai la frizione.

Tanto per darti qualche idea malsana.

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 02:56PM
Grazie dei feedback,
man mano che trovo dei ritagli di tempo rispondo a tutti, parto dal mago..

Quote
MagoKimbra
Guarda è sempre lo stesso dubbio, che per carità si può risolvere, ma la vedo dura... Tu hai presente che basta uno 0.05 in più o in meno di altezza che tutto si va a farsi fottere...
Un ugello che sta poco poco più basso dell'altro andrà a sbattere sulla plastica lasciata dal precedente e se invece è più alto rischi di avere layer staccati...
Già metterne in piano due è tosta 4 è difficile specialmente con movimentazione come dici te...
Poi se riesci ben venga... Ma è l'unico problema che mi sovviene... I firmware hanno già la gestione di solenoidi per ogni hotend che attivano e disattivano al cambio, naturalmente poi la parte elettronica la devi fare tu, perché il pin è 1 quindi o 0 o 1, o fai che con 0 si attiva il magnete in modo da farlo salire e con 1 fai che il magnete lo spinge giù, oppure con molle per farlo salire...

Vero, sono stato un pò sintetico (come al solito..), come dicevo qualche tempo fà vedrò di farli appoggiare tutti sul vetro del piatto e quindi bloccarli (devo vedere come, pensavo ad una calamita), ma non basta. Come dici tu basta veramente poco e tutto và a farsi fottere, dunque pensavo di bloccarli tutti al vetro del piano ma al tempo stesso di lasciargli la libertà di salita (quello che stampa, gli altri sono già stati alzati artificialmente) agevolando la cosa portando a pochi grammi il peso dell'insieme che sta stampando con repulsione magnetica permanente (due micro calamite che si guardano con la stessa polarità e quindi si respingono).

La movimentazione non mi soddisfa, come dice immaginaecrea una sola guida non garantisce che l'hotend non ruoti, quindi nè metterò due.

Il fatto che il firmware è già pronto per questo tipo di meccanica mi incoraggia.thumbs up


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 05:40PM
Oddio la repulsione magentica fa da molla piuttosto che da collegamento stabile e sicuro, e poi che correnti devi dare alle bobine, che bobine monti, al limite un relais automobilistico modificato con un amplificatore di leva potrebbe fare al caso tuo, ma presumo che almeno un centinaio di grammi di forza glieli devi sempre pur dare, al limite un ingranaggio con un camma comandata da un servo potrebbe fare il lavoro, la camma se progettata bene non risente delle forze inverse e non può essere "schiacciata".

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 04, 2018 06:01PM
Pensavo a 2 semplici calamite che si respingono, se il peso dell'hotend+gola+filo etc.. è esempio 150grammi, me ne toglie che so 140, cosi se l'hotend trova un pezzo di plastica che ostruisce, essendo conico magari 10 grammi li scavalla senza problemi. Tipo una sospensione di una moto da cross, non sò se rendo bene l'idea.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 05, 2018 03:50AM
Come ha detto bene Davide di immaginaecrea prima devi tenere in conto altri fattori, l'ugello quando estrude spinge verso l'alto perché deve schiacciare la plastica fusa sullo strato sottostante, quali sono le forze in gioco.

Un elettromagnete che respinge una calamita non è molto efficiente, in genere l'azionamento non è diretto ad esempio negli attuatori per i cambi automatici dove l'elttrocalamita spinge un nucleo che aziona la valvola, le valvole sono progettate per sfruttare la forza idraulica del fluido per tenerle in sede e non si affidano alla forza del magnete, infatti sono modulate in PWM in modo da abbassare la corrente di mantenimento dopo lo sforzo di attivazione e vengono comandate in PWM per tornare a riposo, aiutate anche dalla molla.

Un servo con una camma secondo me è più leggero di una elettrocalamita potente, prova a pesare un relais automobilistico dove il nucleo riesce ad avere una certa forza e te ne rendi subito conto, un servo piccolo pesa la metà.

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 05, 2018 04:39AM
Onekk, ripondo a Davide poi scendiamo nel dettaglio di quanto da tè detto thumbs up

Quote
immaginaecrea
mmmmm lo vuoi proprio il mio parere???? vabbè che faccio lancio il sasso e nascondo il braccio?????grinning smiley
Allora..... no...... non perlomeno con quella configurazione negli scorrimenti in altezza degli hotend

Come diceva il Mago basta un niente per creare "svarioni" nella precisione di stampa..... e già un carro che "blocca" l'hotend ha dei giochi determinati dagli scorrimenti degli assi.... se aggiungi scorrimenti anche per fare salire e scendere gli hotend moltiplichi le possibilità di errore e ti occorrerebbero componenti con una precisione (ed un costo) spaventoso....

Inoltre come terresti in asse gli hotend senza che "ruotino" sull'asse di alzata?
e in che punto fai presa per l'alzata in base all'asse di scorrimento longitudinale del sistema di alzata stesso?

Poi viste le proporzioni con il corpo hotend, hai disegnato un supporto scorrevole "troppo corto" e con troppissima corsa....
L'alzata di un hotend, per metterlo in sicurezza durante la stampa, è sufficiente di 1 o 2 mm, non di alcuni Cm come nel disegno..... e il supporto, per limitare al massimo eventuali scuotimenti sull'asse determinati dagli elementi di scorrimento dovrebbe essere lungo "quasi" come le barre dove hai montato gli hotend per aumentare al massimo la superficie di supporto dell'asse.

Insomma..... a parte gli errori di proporzioni, quello schema presenta problemi di messa a punto di difficoltà piuttosto alta e sicuramente non convenienti dal punto di vista costruttivo....

Spero tu prenda "costruttivamente" queste critiche..... grinning smiley

Allora.. come detto per evitare che gli hotend ruotino sull'asse di alzata sarà raddoppiato l'asse di alzata, anche se era previsto lo sfregamento tra pareti piane (ma non piaceva neance a mè).

Il punto di presa per l'alzata dell'asse di scorrimento longitudinale del sistema di alzata stesso deve essere ancora implementato, immaginavo di mettere un'elettrocalamita con distanza regolata da una vite (poi posterò un disegno). Non sò se è la soluzione migliore, "navigo" a vista e poi tento di migliorare il tutto anche con i suggerimenti di voi del forum.

cito : Poi viste le proporzioni con il corpo hotend, hai disegnato un supporto scorrevole "troppo corto" e con troppissima corsa....
concordo.., raddoppio la boccola di scorrimento del supporto e accorcerò di quanto possibile la corsa dell'ascesa/discesa dell'insieme hotend


Per il resto, rispondendo a dubbi sul sistema nel suo insieme sollevati da tè e dal mago, in riferimento alla difficoltà di "tenere" la precisione al cambio di hotend per i motivi che più volte ci siamo detti (tra cui che uno 0.05 ci sarà sempre cosi' come anche problemi di messa a punto), vorrei fare delle precisazioni:

- Una stampa inizia e finisce col medesimo nozzle per quanto riguarda lo "skin", prevedo un cambio nel solo "infill" (per velocizzare la stampa senza penalizzarne la precisione)
- Il cambio di materiale è previsto solo in casi particolari tipo "raft" in PLA e poi l'intero pezzo in ABS (quindi anche un cambio di dimensione del nozzle non influerebbe sulla stampa del pezzo)

In conclusione, differenti nozzle saranno principalmenti usati per differenti pezzi (a parte l'infill), cosi' come per il materiale.. quindi il fatto di avere ad esempio 12 estrusori-hotend diversi darebbe l'unico vantaggio di non dovere star li' ogni volta a cambiare il filamento od il nozzle (che non è poco); diversamente credo rimanga l'unica possibilità di avere più stampanti.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 05, 2018 04:57AM
ehm.... Andrea...... non vorrei mai interpretassi il tutto come ostacolo al tuo progetto....... ma è proprio il mio parere........ winking smiley.... ed è "di sprone" non il contrario..... winking smiley

nonostante le tue considerazioni possano avere uno sviluppo devi sempre considerare "le dimensioni e i pesi" di quanto stai progettando..... un offset "esagerato" tra gli hotend ti limita le dimensioni del piano di stampa e non poco.... un peso aggiuntivo oltre "qualche etto"... detto proprio "alla brutta", non può che crearti ulteriori problemi.....

Quindi come primo consiglio che posso darti è...... rivedi completamente le geometrie d'insieme..... parti con gli elementi hotend posizionati il più vicino possibile tra di loro e "pensa" a come risolvere i problemi di sollevamento "partendo" dalle dimensioni minime..... ad allargare sei sempre in tempo..... winking smiley
Pensa anche a cosa puoi "delocalizzare" e/o alleggerire mantenendo lle strutture il più rigide possibile.
Sistemi di alzata come il "dondolo", che sfruttano la "rotazione" su un asse, hanno vantaggi non da poco rispetto allo scorrimento su assi longitudinali in termini di giochi e stabilità.... pensa quindi ad un sistema di hotend "magari sollevati con un sistema stile bilanciere" (ma è solo un'ipotesi buttata li) delle valvole dei vecchi motori ad aste e bilancieri, che ti permetterebbe di avere la minor distanza possibile tra gli hotend..... insomma.... ti sei messo in un contesto abbastanza "complicato" che però richiede soluzioni "semplici".... e soprattutto "attuabili" winking smiley

Edited 1 time(s). Last edit at 06/05/2018 04:59AM by immaginaecrea.


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 05, 2018 10:06AM
Ok ingombri all'osso, bilanciere e dondolo mi toglierebbero la "sospensione" in caso di impatto del nozzle. Comunque ci ragiono un'attimino.. thumbs up


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 05, 2018 05:51PM
Quote
onekk
Beh allora, se le barre che hai disegnato sono come le barre da 8 con un cuscinetto LM8uu potresti usare un carrello con le 4 viti per montarci sopra il porta HE.

su ogni carrello monti una L di alluminio su cui avviti i porta HE, la L ti pùo fornire un punto dove fissare una seconda barra guida che tiene in pozione i l tutto, altrimenti gli HE girano sopra.

Ogni HE dovrebbe avere un sistema di regolazione, la corsa penso massima 3 o 4 mm basti per evitare interferenze del resto le Z-Probe in genere sono a 1-2 mm sopra la punta dell'ugello.

Il problema è la precisione dell'abbassamento, una vite micrometrica di finecorsa basso ti permette di regolare il punto di arresto in basso.

Come lo comandi? ogni HE avrebbe una specie di frizione elettromagnetica che fa girare solo l'HE selezionato, la frizione non avendo accoppiamenti solidi si ferma qando tocca il finecorsa, la vite in genere non è invertibile per cui sei a posto.

Il problema è che dovresti avere 4 frizioni e un motore in CC da comandare, il motore fa girare magari con una cinghia oppure con una serie di ingranaggi il tutto e con un uscita digitale comandi le frizioni, il motore deve essere invertito per sollevare il tutto.

In teoria e solo in teoria due dischi di rame messi vicini e all'interno di un campo elettrico si dovrebbero comportare come un magnete e accoppiarsi, un sistema simile è usato nei rallentatori elettromagnetici da camion, dove il rallentamento è controllato controllando appunto la corrente all'elettromagnete che sta attorno ai dischi.

Non ho controllato bene la letteratura, ma sembra esistano anche frizioni basate sullo stesso concetto, due dischi di rame piccoli ti costano 10 Centesimi (due monete da 5 centesimi di euro in cupronickel), una bobina la puoi avvolegere su un tubo di carta e puoi farti un propotipo facilmente, fori da 2,5 mm due monete tenute centrate tra loro, le filetti da 3 metti una barra filettata da 3 e saldi da lato dove non devono avvicinarsi, levighi il tutto e hai la frizione.

Tanto per darti qualche idea malsana.

Saluti

Carlo D.

Quote
onekk
Come ha detto bene Davide di immaginaecrea prima devi tenere in conto altri fattori, l'ugello quando estrude spinge verso l'alto perché deve schiacciare la plastica fusa sullo strato sottostante, quali sono le forze in gioco.

Un elettromagnete che respinge una calamita non è molto efficiente, in genere l'azionamento non è diretto ad esempio negli attuatori per i cambi automatici dove l'elttrocalamita spinge un nucleo che aziona la valvola, le valvole sono progettate per sfruttare la forza idraulica del fluido per tenerle in sede e non si affidano alla forza del magnete, infatti sono modulate in PWM in modo da abbassare la corrente di mantenimento dopo lo sforzo di attivazione e vengono comandate in PWM per tornare a riposo, aiutate anche dalla molla.

Un servo con una camma secondo me è più leggero di una elettrocalamita potente, prova a pesare un relais automobilistico dove il nucleo riesce ad avere una certa forza e te ne rendi subito conto, un servo piccolo pesa la metà.

Saluti

Carlo D.

Quote
onekk
Come ha detto bene Davide di immaginaecrea prima devi tenere in conto altri fattori, l'ugello quando estrude spinge verso l'alto perché deve schiacciare la plastica fusa sullo strato sottostante, quali sono le forze in gioco.

Un elettromagnete che respinge una calamita non è molto efficiente, in genere l'azionamento non è diretto ad esempio negli attuatori per i cambi automatici dove l'elttrocalamita spinge un nucleo che aziona la valvola, le valvole sono progettate per sfruttare la forza idraulica del fluido per tenerle in sede e non si affidano alla forza del magnete, infatti sono modulate in PWM in modo da abbassare la corrente di mantenimento dopo lo sforzo di attivazione e vengono comandate in PWM per tornare a riposo, aiutate anche dalla molla.

Un servo con una camma secondo me è più leggero di una elettrocalamita potente, prova a pesare un relais automobilistico dove il nucleo riesce ad avere una certa forza e te ne rendi subito conto, un servo piccolo pesa la metà.

Saluti

Carlo D.

Purtroppo non era finito il disegno, in verità il sistema già c'è nella mia testa ed è di una semplicità disarmante:

1) l'HE è libero di abbassarsi sul suo asse verticale fino a toccare il piano, magari sopra il piano trova il classico foglio di carta cosi' l'home della Z è fatto
2) L'HE col nozzle che tocca il piano (tutti e 4) viene bloccato in discesa (una vite,una calamita fissa,è uguale), ma libero di salire
3) 3 su 4 HE vengono attratti da sopra da una elettrocalamita (si alzano di 2-3 mm) e li rimangono
4) il 4° HE che è rimasto giù è quello che stampa, ed è ancora libero di salire nel caso il nozzle sbatta su un rimasuglio di plastica (poi scende per gravità)

Fine

L'ammortizzatore a magneti permanenti è opzionale, non necessario, e comunque non prevede elettrocalamite, è fisso e spinge per sempre l'HE verso l'alto ma con una forza inferiore al suo peso. Seguiranno altri disegni, poi la cosa sarà chiara.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 06, 2018 07:34AM
Eccoci..,
lascio indietro temporaneamente il concetto di "ammortizzatore" per rendere più chiaro il tutto, e per lo stesso motivo ho ridotto a 2 gli HE (rimane ben inteso che potrebbero essere 4-6-8-10-12 etc..)

Posto le fasi operative di questo sistema che chiamo "OSSO"..grinning smiley perchè non c'è rimasto più un gran chè....

1) Gli HE poggiano sul piano



2) Si mettono dei "fermi" (verdi nella foto) che bloccano il movimento degli HE verso il basso (ma non verso l'alto)



3) Si attivano le elettrocalamite (in rosso nelle foto) degli HE che non dovranno stampare (in giallo le calamite permanenti), quindi solo un HE è posizionato per la stampa


Fine.. se il nozzle dell' HE in stampa "sbatte" contro qualcosa ha comunque qualche mm di corsa verso l'alto per evitare che tutta la struttura prenda un "colpo" o che comunque la stampa venga compromessa (es. si stacca il pezzo, i motori perdono passi, etc..)


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 06, 2018 02:14PM
Peccato che il sistema funzioni al contario, cioè se una calamita non è energizzata tutti gli HE sono giù.

In genere per configurazioni fail-safe vale la logica "al contrario" devi abilitare esplicitamente una cosa cioè a riposo gli HE devo essere SU.

Una camma ti risolve il problema, del resto nei motori moderni al posto del bilancere, c'è la camme in testa, al limite fai come ducati desmodronica dove la camma alza e abbassa direttamente la valvola, nel tuo caso una camma negativa cioè ricavi in un pieno un profilo dove scorre il perno (al limite il perno ha un cuscinetto che ridure l'attrico), il servo fa ruotare di 180° (ma anche meno) la camma che abbassa, a riposo il servo ritorna in posizione e l'HE è in ALTO. se hai problemi di pilotaggio al limite un HE non scende e non tocca su nulla, altrimenti se dovessi avere un problema con le calamite l'HE cade se metti una molla di richiamo dipende dal peso dell'HE e aggiungi forza da applicare alla elettrocalamita.

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 06, 2018 05:05PM
Ah.., ok onekk, riesci a buttar giù uno schizzo sul sistema a camme?


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 07, 2018 01:25PM
Questo è la camma classica, se la fai ruotare di solo mezzo giro ad esempio di abassa o ti alza l'HE, se sotto metti una molla riproponi il sistema della valvola automobilistica, ma se la camma la metti sotto e fa in modo che a riposo il servo ritorni alla posizione alta alzando l'HE quando il servo non è energizzato avrai un'idea di quello che intendo.


[it.wikipedia.org]


Questa è una trattazione più estesa con qualche dato in più.

[diem1.ing.unibo.it]


A circa metà pagina vedi una camma coniugata e subito sotto una di tipo desmodronica, fa l'alzata e l'abbassata senza molle perché è guidata dal profilo della camme.

[www.turci.biz]

Una soluzione diversa

[images.duckduckgo.com]


Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 07, 2018 04:47PM
Ma onestamente non vedo il vantaggio di usare un sistema cosi' complesso rispetto ad un filo di rame smaltato avvolto intorno ad una vite in acciaio, peraltro affondabile nella stampa cosi' come la corrispettiva calamita in neomidio.

Oltretutto, mi toglierebbe la possibilità del nozzle di "salire" in caso di impatto.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 08, 2018 04:34AM
Vantaggi,

la camma è fissa non è soggetta a fluttuazioni elettromagnetiche.

Se usi una camma guidata, cioè una camma che abbia un profilo interno e un profilo esterno in modo creare una 2pista", dove scorre magari un rullo, montato su un perno lubrificato è fissa sia in alto che in basso, a meno dei giochi, ma se hai una piccola molla (che può essere anche un semplice oring in gomma che te la preme contro è fissa)

La camma ha un ingombro limitato (se devi alzare una cosa di 1 millimetro la tua camma è alta il diametro dell'albero di comando + 1mm) e se l'albero di comando puà essere lungo quanto vuoi e comandato magari con cinghia e ingranaggi per mettere gli azionatori dove sono più comodi.

Nei carburatori specie i multicorpo le camme "guidate" erano molto diffuse e facevano molti movimenti complessi semplicemente tirando un filo (collegato al cavo dell'acceleratore)

NOTA: l'elettrocalamita homemade non può avere un nucleo al neodimio ma in ferro "dolce" (a riposo non deve essere magnetica)

Era comunque solo un punto di vista diverso dal tuo, prendilo come "una delle tante possibilità", del resto ci sono molti modi per ottenere un movimento da A a B.

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 08, 2018 07:08AM
Non è che non mi piace la tua idea, ci sto ragionando, in fin dei conti la mia ha un problema : dovrei tenere in tensione l'elettrocalamite per tutto il tempo; ma la tua non riesco a tradurla al cad, per questo ti chiedevo uno schizzo di minima, magari anche a matita.

Edited 1 time(s). Last edit at 06/08/2018 07:09AM by AndreaMattiaDenaro.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 08, 2018 02:54PM
Questa immagine ti da un'idea della "camma guidata", non so il nome preciso ma l'idea è quella.

[images.duckduckgo.com]

Saluti

Carlo D.


P3Steel - MKS GEN v1.2 e REPRAP_DISCOUNT_FULL_GRAPHIC_SMART_CONTROLLER + Gen 7 MOSFET (HotBed) + alimentatore step-down 12V -> 5V
Firmware MK4duo 4.3.5 (4.3.6 in testing) con ABL capacitivo - Slic3R (Originale) ed ESP3D per controllare la stampante da remoto.
HotEnd Cinese V6 clone con ugello da 0.4mm.

[My Building Log]
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 11, 2018 12:05PM
mah....... secondo me state andando verso direzioni che non sono proprio il massimo..... a parte il dimensionamento degli elementi che continui a fare nella maniera meno efficiente possibile mettendo gli hotend "contrapposti" e gli assi di "alzata" degli hotend con proporzioni così poco efficaci.......

Come già detto state aggiungendo "tolleranze a tolleranze".... e i cuscinetti lineari non brillano mai per precisione sulle barre tonde, soprattutto nei piccoli diametri...... mentre sarebbero molto ma molto più precisi e di facile gestione 2 cuscinetti classici in parallelo su supporti "basculanti" dove fissare gli hotend... potresti ridurre moltissimo anche l'offset tra gli hotend mettendoli uno strettamente a fianco dell'altro....

Scusate se mi sono permesso ma, come già detto, quasi 35 anni di progettazione dal tecnigrafo in poi mi permettono di avere una visione abbastanza "chiara" del tipo di sistema che state discutendo.... winking smiley


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 11, 2018 02:34PM
Non sono cuscinetti ma boccole in rame sinterizzato diametro interno 8, esterno 12, lunghezza 15; tutte le misure nel disegno sono reali (anche l'E3D), tutte le barre tonde sono da 8.

Comunque non è definitivo, ed ogni suggerimento è ben accetto. Come non ho capito onekk (il camme l'ho capito ma come applicarlo no, anche se la ritengo una idea più valida delle mie calamite), non capisco nemmeno il tuo supporto basculante (cioè non sò cosa sia); ma in entrambe i casi sono con le orecchie tese.. grinning smiley (rispolvera il tecnigrafo e fai uno schizzo)


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 12, 2018 03:27AM
aaaaaaa..... sono pure boccole...... eye rolling smiley..... e non ti poni il problema del disassamento della spinta del servo e relativa scorrevolezza e precisione?
Nel senso che in questo caso con le boccole è, se possibile, ancora peggio dei cuscinetti.... le boccole sinterizzate hanno si un'ottima precisione, ma nessuna propensione per funzionare con le spinte disassate..... tra un cuscinetto e una boccola vorrei far notare che si passa da "attrito volvente" (cuscinetto) ad "attrito radente" (boccola).... hai idea della differenza vero?
Inoltre una sola boccola da 15 mm di lunghezza su un diametro di 8 non ti potrebbe dare stabilità sufficiente....

Insomma.... così com'è diventeresti matto per farle scorrere sulla barra anche solo quel poco che basta ad alzare gli hotend, la spinta del servo (o del magnete), disassata rispetto al centro della barra, te la impunterebbe ogni 3X2, oppure saresti costretto ad avere un gioco tale che non ti permetterebbe proprio di usare quel sistema...... provare per credere..... eye rolling smiley.

Appena ho un attimo di tempo ti faccio uno schizzo su come imposterei io il sistema..... o perlomeno "da dove partirei"...... grinning smiley

Edited 1 time(s). Last edit at 06/12/2018 03:35AM by immaginaecrea.


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 12, 2018 08:10AM
Eh... magari ste boccole fossero precise.

Dipende.., ne ho prese da 16mm e da 8mm. Su quelle da 16mm se non metto olio per macchine da cucire si impuntano a macchia di leopardo (cioè un pò qui un pò là in un verso, e lo stesso nell'opposto [cioè praticamente se con la mano fai scorrere la boccola avanti ed indietro, nello stesso punto un volta si impunta e l'altra no]) per troppo poco gioco.

Quelle da 8mm "ballano la samba" grinning smiley, tanto che sarò costretto a tagliarle e farle lavorare come pattini. Parlo di un decimo a naso.., ma tanto valeva allora tenersi i cuscinetti a sfera; poi come dici tu, 15mm in lunghezza sono pochi, bisogna metterne almeno 2 per avere un sistema di scorrimento decente.

C'è da dire che costano nulla, sono molto piccole e leggere, si risparmia molto spazio e le stampe per ospitarle diventano "miniature".


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 12, 2018 08:49AM
vedi che lo stai dicendo pure tu.... eye rolling smiley
visto che ce le hai in mano è più facile ancora accorgersi dei problemi che ti ho menzionato.

Le boccole sinterizzate vanno affiancate ad alberi che abbiano tolleranze "certificate"... altrimenti o non scorrono o si impuntano... e anche con le tolleranze certificate e se sono "autolubrificanti"(le boccole), il problema disassamento della spinta rimane... mentre si riducono all'osso i problemi di impuntamento e gioco... ma sempre se le spinte sono "in asse" con gli alberi... nel tuo caso non c'è boccola che conosco in grado di risolverti il problema...... sad smiley


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 12, 2018 01:13PM
il problema disassamento della spinta.. se le spinte sono "in asse" con gli alberi...

Sai che non riesco a capire cosa intendi dire, a cosa ti riferisci quando parli di disassamento? Quali spinte?

Edited 1 time(s). Last edit at 06/12/2018 01:14PM by AndreaMattiaDenaro.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 13, 2018 05:09AM

Vediamo se partendo dal tuo disegno si capisce meglio..... grinning smiley
Se noti la distanza tra i 2 assi, quello di scorrimento e quello di spinta, noterai anche che si genera una spinta "sfasata" rispetto all'asse di scorrimento e questo causa una distribuzione delle forze sulla boccola completamente diversa dall'avere la stessa spinta sul suo stesso asse di scorrimento.

Le forze maggiori quindi si concentreranno sui punti contrassegnati dalle frecce nere.... e questa sarà la causa degli impuntamenti che avrai a meno di usare elementi con giochi esagerati... che però ti inficierebbero completamente la precisione di stampa lasciando l'hotend con giochi amplificati anche dal rapporto di leva che si genera tra la distanza della punta del hotend e le superfici di appoggio della boccola........ winking smiley
Così a occhio, senza stare neanche a fare misurazioni.... un decimo di gioco nella boccola avrebbe come conseguenza "almeno" uno spostamento della punta amplificato X3......

Edited 3 time(s). Last edit at 06/13/2018 05:15AM by immaginaecrea.


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 13, 2018 06:47AM
Uhmm... in effetti. sad smiley

Quindi l'unica cosa da fare sarebbe mettere l'HE al centro dei 4 assi di scorrimento diventanto un sistema MONO-HE, ed un'eventuale altro HE sarebbe a fianco ma a sè stante, giusto? o hai una soluzione migliore ancora?

Edited 1 time(s). Last edit at 06/13/2018 06:50AM by AndreaMattiaDenaro.


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 13, 2018 07:12AM
dammi un po' di tempo e ti do uno spunto con un stl...... winking smiley


Davide
Immagina e Crea
Progetto Flusso canalizzatore 4 vie
My Thingiverse
Re: bozza - nuovo sistema multi estrusori/hotend
June 13, 2018 07:16AM
thumbs upthumbs upthumbs up


La mia stampante : Wooden Prusa I3 Pro W
Il mio status : Principiante

Saluti Andrea
Sorry, only registered users may post in this forum.

Click here to login